Menu

Le ricerche più frequenti
Pranzo di Natale in anticipo

Pranzo di Natale in anticipo: come organizzarsi

Una lista di preziosi consigli e suggerimenti per organizzare al meglio il pranzo di Natale in famiglia

Come preparare il pranzo di Natale in anticipo e come organizzarsi per godersi la festa al meglio? Ve lo diciamo noi svelandovi qualche piccolo suggerimento e regalandovi alcuni preziosi consigli. Se, infatti, avete deciso di organizzare il pranzo di Natale a casa vostra invitando parenti e amici, il rischio è quello di non godere appieno della loro compagnia perché impegnati nella preparazione di cibi e bevande.

Festeggiare il Natale senza stress è quindi possibile: basta organizzarsi e preparare in anticipo la maggior parte delle pietanze che volete proporre ai vostri ospiti e, per esempio, decorare già la tavola la sera precedente.

Ecco quindi tutti i nostri consigli e i suggerimenti di cui prendere nota per preparare il pranzo di Natale in anticipo e organizzarsi al meglio per godervi la festa senza troppe preoccupazioni.

1. Decidere prima il menù
La primissima cosa da fare per preparare il pranzo di Natale in anticipo è decidere il menù da proporre ai vostri ospiti, almeno una settimana prima. Se avete stabilito con parenti e amici di dividervi i compiti, ancora meglio: confrontatevi con loro e decidete chi porterà cosa. Sarà molto più facile sia fare la spesa con criterio, sia cucinare tutto in tempo.

2. Fare la spesa con largo anticipo
Una volta stabilito il menù, non perdete tempo e andate a fare la spesa con largo anticipo. Se acquistate la maggior parte di quello che vi serve 3 o 4 giorni prima della vigilia di Natale risparmierete tempo e, soprattutto, non troverete la tipica e caotica ressa dei ritardatari che si riversano in massa nei supermercati o nei centri commerciali per la “caccia al regalo last minute”. Per tutti quei prodotti che, invece, devono essere per forza acquistati all’ultimo come pane, affettati o preparazioni di gastronomia, potete sempre prenotarli e andarli a ritirare il giorno prima di Natale senza troppi problemi.

Pranzo all’insegna della leggerezza? Guarda il nostro menù di Natale leggero QUI

3. Cucinare più portate possibile

pranzo di Natale in anticipo

Dopo aver deciso il menù e acquistato tutto ciò che vi serve per il vostro pranzo, dovete preparare e cucinare più portate possibili. Cominciate dagli antipasti: tartine natalizie, vol-au-vent e deliziosi stuzzichini possono essere preparati il giorno precedente e conservati in frigorifero. Per quanto riguarda i primi piatti, cercate di preferire quelli che possono essere cucinati e cotti in forno poco prima di servirli, come, per esempio, le lasagne e i cannelloni.
Per i secondi piatti, invece, sia che abbiate deciso per un menù a base di carne oppure a base di pesce, vale la stessa regola dei primi piatti: prediligete pietanze che possano essere cucinate e ripassate in forno all’ultimo momento, come il pollo ripieno, il tacchino ripieno . Con il pesce, invece, dovrete fare tutto all'ultimo minuto. Infine, i dolci: potete semplicemente acquistare un Panettone o un Pandoro e realizzare la sera prima di Natale una crema di accompagnamento (al mascarpone, al cioccolato) oppure divertirvi creando tanti piccoli biscottini natalizi da servire insieme al caffè.

4. Preparare e decorare la tavola
Se la mattina di Natale volete ricevere i vostri ospiti accogliendoli in una sala da pranzo già perfettamente addobbata, la sera della Vigilia di Natale, prima di andare a dormire, dovete preparare e decorare la tavola. Cominciate apparecchiando il tavolo da pranzo nei minimi particolari, poi aggiungete anche i segnaposto, le candele e l’immancabile centrotavola.

5. Il caffè e gli amari
Un altro accorgimento che dovete avere nella preparazione anticipata del pranzo di Natale è organizzare un piccolo spazio adibito solo per il caffè e gli amari. La sera precedente, quindi, disponete in un angolo che vi piace – magari accanto al tavolo da pranzo - un vassoio con le tazzine, i cucchiaini e lo zucchero insieme ai bicchierini da amaro e le bottiglie che volete offrire ai vostri ospiti. In cucina, invece, potete riempire già una moka (sempre che non abbiate la macchinetta a cialde) e un bricco di latte da tenere, ovviamente, in frigorifero fino al giorno seguente.

back to top arrow