Le ricerche più frequenti
Come pulire il tagliere

Come pulire il tagliere

Uno degli utensili da cucina che usiamo di più è sicuramente il tagliere: ecco i trucchi per pulirlo alla perfezione ed eliminare tutti gli odori.

Sebbene sia una delle nozioni base in cucina, spesso viene sottovalutata. Di cosa stiamo parlando? Del fatto che molti non sanno come pulire il tagliere alla perfezione in modo che ad ogni occasione sia come nuovo. Il tagliere fa parte di quegli oggetti indispensabili quando si cucina, viene usato spessissimo, quasi ogni volta che ci mettiamo ai fornelli.
È quindi importante sapere come pulire il tagliere e liberarlo dagli odori che rilasciano alcuni cibi (come l’aglio, la cipolla o il pesce); tuttavia il lavaggio con i comuni detersivi può danneggiare il legno nel tempo, facendo diventare la superficie gonfia e ruvida. Vediamo allora come pulire il tagliere da cucina ed eliminare tutti gli odori.

Innanzitutto, affinché durino ancora più a lungo, i taglieri devono essere trattati con cura, soprattutto al momento del lavaggio. E' infatti molto importante, prima di pulire il tagliere, rimuovere, entro breve tempo dal suo utilizzo, ogni residuo di cibo o di unto, in modo tale che non rimanga macchiato irrimediabilmente.

Pulire il tagliere

Per la pulizia ordinaria dei taglieri, quando cioè non si presentano particolari macchie o altre criticità, potete lasciarli in ammollo per qualche minuto in acqua tiepida con qualche goccia di sapone liquido ecologico o sapone di Marsiglia. E' possibile poi, per pulire il tagliere a fondo, strofinare con una spugna le parti che necessitano di maggiore pulizia, risciacquare con acqua tiepida e passare con un panno asciutto. I taglieri (e i cucchiai in legno) dovrebbero essere lasciati ad asciugare in posizione verticale per avere la certezza che le tracce d'acqua evaporino completamente, in modo tale che il legno non si rovini e non si crei la muffa.

Se usate spesso il vostro tagliere, magari anche quotidianamente, si consiglia di effettuare una pulizia più accurata, almeno una volta ogni 15 giorni. In questo caso l’operazione che dovete fare è la seguente: cospargete la superficie del tagliere con del sale grosso, prendete mezzo limone e cominciate a sfregare. Ora sarà sufficiente risciacquare con acqua calda, passare con un panno asciutto e lasciare asciugare all'aria in posizione verticale. L'impiego di sale grosso si rivela utile per eliminare eventuali residui alimentari rimasti nei solchi formati sulla superficie del tagliere dalla lama del coltello.

Esistono poi altri metodi per pulire accuratamente il tagliere da cucina: ad esempio, si rivela molto utile strofinare con energia le superfici dei taglieri con bicarbonato di sodio e succo di limone. I taglieri dovranno essere in seguito lasciati asciugare alla luce del sole, in modo che proprio i raggi solari svolgano un'azione disinfettante. Succo di limone e bicarbonato di sodio sono perfetti anche per la pulizia dei taglieri in plastica, soprattutto per evitare che i tagli provocati dalla lama del coltello si anneriscano. E' necessario infatti pulire molto bene sia i taglieri di legno che quelli di plastica per eliminare ogni residuo di cibo. In questo caso potrebbe essere utile ricorrere ad una spazzolina per le pulizie domestiche.

Un ulteriore aiuto in proposito riguarda l'impiego dell'aceto per la pulizia di taglieri ed utensili in legno. Si tratta della soluzione più rapida da utilizzare nel caso in cui vi sia la necessità di disinfettare e pulire rapidamente il tagliere tra un utilizzo e l'altro, durante la preparazione della medesima ricetta. E' sufficiente applicare sul tagliere alcune gocce di aceto, strofinare con una spugna e risciacquare con acqua calda.

back to top arrow