LE IDEE DI AIA Scoprile tutte!

carciofi sott'olio

Come fare i carciofi sott’olio

Ecco la ricetta e tutti i segreti per fare i carciofi sott’olio e conservarli al meglio

Tra le molte conserve di verdure esistenti nella cucina mediterranea, i carciofi o i carciofini sott’olio sono certamente i più apprezzati. Ma come fare degli ottimi carciofi sott’olio? Innanzitutto bisogna partire scegliendo le migliori materie prime e gli ingredienti in maniera accurata.

Con un carciofo di scarsa qualità e utilizzando l’olio “sbagliato”, di sicuro non otterrete grandi risultati. Sicilia, Sardegna e Puglia sono le regioni con la più alta e riconosciuta produzione di carciofi: il “Tondo di Paestum” e la “Mammola romanesca” hanno ottenuto infatti l’Indicazione Geografica Protetta (IGP) mentre lo “Spinoso di Sardegna” la Denominazione di Origine Protetta (DOP).
Non avrete quindi difficoltà nello scegliere con cura la varietà di carciofi per la vostra conserva, meglio se di dimensione media o piccola.

Per cucinare i carciofi sott’olio e ottenere quindi una deliziosa conserva fatta in casa, procuratevi 1 kg di carciofi, 1 Lt di aceto, 1 Lt d’acqua, olio extra vergine di oliva, olio di semi, 1 piccolo limone, prezzemolo fresco, sale.

Cominciate pulendo con cura i carciofi eliminando le foglie esterne più scure e spesse. Tagliate i carciofi a metà o in quattro parti uguali, a seconda della loro grandezza e trasferiteli in un contenitore riempito con acqua fredda, succo di limone e sale: in questo modo eviterete che anneriscano e, allo stesso tempo, risulteranno più morbidi. Trascorsa un’ora, versate i carciofi in una pentola ampia con acqua bollente e aceto, quindi unite qualche foglia di prezzemolo fresco e lasciate cuocere per 10-15 minuti.
Una volta pronti, scolateli e fateli asciugare molto bene su un canovaccio di cotone: i vostri carciofi sono pronti per essere messi all’interno di ogni vasetto di vetro a chiusura ermetica insieme ad un cucchiaino di prezzemolo tritato.

carciofi sott'olio tavolo

Copriteli ora con 2/3 di olio extra vergine di oliva e 1/3 di olio di semi senza chiudere i barattolini. Fate riposare in un luogo fresco, asciutto e lontano da fonti di calore controllando man mano il livello dell'olio in ciascun vasetto per 2-3 giorni. Una volta che l'olio non avrà più bisogno di aggiunte, chiudete con i tappi ermetici e lasciare riposare almeno un mese prima del consumo.

Un accorgimento che deve essere preso molto seriamente nella preparazione delle conserve fatte in casa è quello della corretta sterilizzazione dei vasetti: ricordatevi sempre, quando preparate – in questo caso – i carciofi sott’olio, di far bollire i contenitori di vetro ad alta temperatura per evitare l’insorgere di batteri pericolosi come il botulino

I carciofi sott’olio, oltre ad arricchire la vostra dispensa e ad essere consumati singolarmente, possono essere anche un’ottima e sana base per altre preparazioni e ricette da gustare nel corso dell'anno, specialmente durante le feste: farete certamente un figurone con i vostri ospiti. Un’altra ottima idea potrebbe essere quella di preparare una conserva per ogni vostro amico o parente come regalo di Natale e personalizzare ogni barattolo con decorazioni speciali.

In famiglia
it

LE IDEE DI AIA

3 modi per cucinare le uova all’ultimo minuto

Le uova possono essere preparate in tantissimi modi diversi: eccone 3 facilissimi per cucinarle...

Speciale back to school

Uno speciale interamente dedicato al back to school, dalle ricette per bambini ai consigli per...

Pollo, ricette veloci: tutte le idee!

Tante idee di ricette veloci con il pollo da provare per pranzo e cena: scopritele tutte e...

Back to school: 3 ricette di sandwich al tacchino per i bambini

Provate queste ricette di sandwich al tacchino, sono perfette per i bambini al loro back to school!